Scienze del Turismo e dei Patrimoni culturali 2017/18

Scienze del Turismo e dei Patrimoni Culturali (classe LM-49) 2017/18
Dall’anno accademico 2017/18, il Corso di Laurea Magistrale in Scienze del Turismo e dei Patrimoni Culturali (STPC) è stato disattivato.

Modalità di accesso.
Nuove immatricolazioni: non consentite.


Iscrizioni al secondo anno:
(a) nessuna restrizione per studenti già iscritti nell’anno accademico 2016/17 al primo anno del corso di laurea magistrale in STPC;
(b) per gli studenti iscritti nell’anno accademico 2016/17 ad altri corsi di laurea magistrale attivati presso l’Università degli Studi della Basilicata o presso altri Atenei, il Consiglio di Corso Studio verificherà il possesso dei requisiti curriculari, ovvero: la possibilità di riconoscere attività didattiche per complessivi 42 CFU (di cui almeno 36 CFU per esami già sostenuti nel corso di laurea di provenienza in SSD caratterizzanti e 6 CFU per frequenza acquisita).
Per gli studenti che non possiedono i requisiti sopra indicati l'ammissione al Corso in STPC è subordinata alla valutazione di una Commissione che verificherà, tramite Colloquio, il possesso delle conoscenze e delle competenze necessarie. La Commissione esprimerà un giudizio di idoneità che consentirà l'ammissione al Colloquio di ingresso in cui sarà verificata l'adeguatezza della preparazione personale.
Colloquio di idoneità:
• 2 ottobre 2017, per gli studenti regolarmente iscritti entro tale data
• 15 gennaio 2018, per gli studenti iscritti entro tale data
Colloquio in ingresso:
• 09 ottobre 2017, per gli studenti regolarmente iscritti entro tale data
• 22 gennaio 2018, per gli studenti iscritti entro tale data

Obiettivi formativi
Il Corso di studi si basa essenzialmente sulla capacità di integrare le conoscenze e le competenze acquisite nei settori scientifico-disciplinari relativi alla conoscenza e alla valorizzazione del patrimonio storico, archeologico, artistico, demo-etnoantropologico, religioso, archivistico-librario e geografico-ambientale con quelle finalizzate allo sviluppo delle tecnologie più aggiornate nel campo della comunicazione e della rappresentazione.
Di conseguenza, il percorso formativo è articolato intorno a tre nuclei fondamentali:
• Una conoscenza approfondita dei beni culturali e ambientali appartenenti al territorio regionale, unita alla capacità di collegare tali beni al contesto nazionale e internazionale, anche in virtù di conoscenze pregresse acquisite durante i percorsi di laurea di primo livello;
• Una conoscenza specifica dei meccanismi comunicativi, gestionali ed economici, che sono alla base dei sistemi turistici, con particolare riguardo per i sistemi turistico – culturali;
• la capacità di applicare nella pratica le conoscenze teoriche acquisite negli ambiti sopra menzionati, con l'obiettivo di progettare, realizzare, gestire e valorizzare attraverso efficaci strategie comunicative, iniziative di carattere culturale finalizzate a obiettivi di sviluppo turistico.
Le attività didattiche
L’organizzazione didattica prevede la frequenza degli insegnamenti previsti al secondo anno e altre attività formative quali, ad esempio, laboratori e tirocinio.
Il raggiungimento dei 120 Crediti Formativi Universitari (CFU) previsti, suddivisi tra esami sostenuti, attività di laboratorio, tirocinio e tesi di laurea porta gli studenti al conseguimento della Laurea Magistrale in Scienze del Turismo e dei Patrimoni Culturali.